Booking Online
Check-In:
Check-Out:
Adults:
12-17 years old:
6-12 years old:
0-6 years old:
Subscribe to Newsletter
I agree terms and conditions D.Lgs. n. 196/03
tel:+39054100000
IT FR EN
Show/Hide photos
Courmayeur and useful Links The Village of Entrèves

the village of entrÈves

Il borgo di Entrèves è una piccola frazione di Courmayeur, da cui dista soli 2 km, situata alla confluenza delle due famose valli alle pendici del Monte Bianco, la Val Ferret e la Val Veny.
Questa sua posizione fa di Entrèves uno dei migliori luoghi per godere di una vista spettacolare sui ghiacciai e sul massiccio del "Gigante Bianco".

Entrèves è situato ad una altitudine di 1300 mt, ed è l'ultima località in territorio Valdostano, prima dell'imbocco del Tunnel del Monte Bianco.

Nel nucleo più antico del Villaggio fa bella mostra di sè la trecentesca casa forte dei Passerin d'Entrèves, aristocratica famiglia valdostana, e sul lato opposto "les Ecuries du Chateau", ovvero "le Scuderie del Castello", recentemente ristrutturate.

Alle spalle della casa forte sorge la vecchia Cappella del Villaggio,utilizzata ancora oggi, intitolata a Santa Margherita, non si conosce l’anno esatto di fondazione ma la Chiesa risulta menzionata in occasione di una visita pastorale del 19 luglio 1567.

L’edificio presenta una semplice facciata a capanna intonacata di bianco e un unico e sobrio ingresso sopra il quale si apre un piccolo loculo semilunato. A fianco si erge il campanile sormontato da una slanciata e sottile cuspide a guglia. Una significativa caratteristica del Villaggio è quella di avere ancora visibili dei bei fienili e delle stalle. Molti portoni di questi fienili presentano architravi datati dell’ottocento oppure decorati da tau rovesciate o appiccate (la tau è un antico simbolo ebraico di appartenenza alla legge della Torah poi ripreso da san Francesco come emblema della Croce) così come da Croci Latine o Greche.

Raggiungendo la piccola piazzetta in fondo alla via dove gorgheggia un lavatoio in pietra del 1876, si possono apprezzare le antiche case attaccate le une alle altre a mo di semicerchio; tutto il nucleo nei pressi della Chiesa rappresenta l’embrione originario dell’abitato, dove trovavano posto le vecchie scuole elementari e la latterie. Questo è anche il cuore pulsante dell’ormai noto mercatino della’ntiquariato di santa margherita, che si snoda nel suggestivo abitato di Entreves durante la stagione estiva. Salendo poi alla volta di via Col du Géant si potranno trovare altri caratteristici edifici del secolo scorso dotati di fienili con bei portoni di accesso in legno, di cui molti impreziositi da croci per richiamare la benedizione divina sui raccolti e sui fieni custoditi un tempo all’interno.

Addentrandosi nei meandri ombrosi dell’isolato vicino alla Cappella si avrà la fortuna di immergersi in un atmosfera dal sapore antico, fatta di edifici in pietra, taluni con balconi dalle balaustre decorate a motivi diversi a seconda dell’uso dei vani del piano; figurano ancora alcuni colmi di tetto datati tra cui uno dei più notevoli riporta l’anno 1841.

Entreves mantiene ancora quell’aria tipica del Villaggio alpino, quell’atmosfera ovattata e defilata che la fanno amare.

(da “Courmayeur e dintorni Itinerari fra Storia e Natura” Edizioni Buona Stampa)